10 trend su viaggi e prenotazioni online nel 2017

Fueltravel.com ha pubblicato i risultati di una ricerca (condotta intervistando viaggiatori di differenti età) riguardo alla rilevanza del sito web durante il percorso di prenotazione di un ospite al giorno d’oggi.

Sono emersi 10 aspetti molto interessanti, dieci pillole che sono felice di condividere con te.
Leggile, saranno 5 minuti davvero ben spesi.

1) Il numero di siti consultati prima di prenotare un hotel

Il numero di siti che un viaggiatore visita prima di confermare una prenotazione diminuisce ogni anno.
L’86% di viaggiatori leisure dichiara di vistare mediamente meno di 9 siti web e 4.4 di siti unici (contro il 4.6 dello scorso anno).

Di base, chi naviga sul web per prenotare viaggi non vuole fare tante ricerche ma trovare immediatamente quello che più si addice alle sue esigenze e ai suoi desideri.
Il tuo sito web dunque deve saper catturare l’attenzione e ispirare affidabilità sin dal primo momento.

Da qui capiamo che il sito web rappresenta uno degli elementi più importanti nel percorso di prenotazione.

2) I fattori più influenzanti nel processo di prenotazione

Con qualche sorpresa per le gerarchie eccoli qui, in ordine di importanza:

1. Sito dell’hotel
2. Passaparola
3. Ota
4. Motori di ricerca
5. Siti di recensioni (Tripadvisor)
6. Siti di Meta ricerca (Kayak, Trivago)

Interessante è vedere come le Ota superino i siti di recensione come Tripadvisor e i motori di ricerca, nonché il secondo posto del passaparola, scalzato al primo dal sito.
Come sfruttare queste informazioni?
Ad esempio integrando al meglio i primi due fattori, dato che hanno la maggiore incidenza sulla conversione da “persona interessata” a ospite.
Inserisci quindi sul sito commenti, recensioni e foto di clienti entusiasti del tuo servizio che possano influire direttamente sulle decisioni dei visitatori.

3) Il tempo medio impiegato per prenotare

Il numero di visite medio da parte di un viaggiatore prima di prenotare è di circa 3.4 volte.
Questo dato potrebbe essere interpretato per qualcuno come tanto o per qualcun altro come poco, tenuto in considerazione l’avvento del mobile e la facilità con cui ora si può accedere alla rete.

Prendiamo ora un altro dato estrapolato dalla ricerca di Fueltravel: 30 minuti è circa il tempo medio che viene trascorso su un sito (sul totale del 3-4 visite medie) prima di prenotare.
Ed è  chiaro come ci sia un processo di raccolta informazioni suddiviso per livelli.
Ogni volta che il visitatore ritorna su un sito, le informazioni che cerca sono diverse e più approfondite.

Tienilo in considerazione sfruttando al massimo gli strumenti che hai per “tenerli caldi” nelle attività di follow up e remarketing.
Cosa intendo?

Assicurati di avere un form per raccogliere le loro email (promettendo in cambio qualcosa di utile, come una guida gratuita, ad esempio) e di avere inserito all’interno del tuo sito il pixel di Facebook in modo da creare contenuti sponsorizzati del tuo Hotel sui social network.

4) I contenuti più interessanti secondo i visitatori

Quali sono quindi quei contenuti scritti che un visitatore controlla di più per pianificare e prenotare il suo viaggio?
Sembra che per l’Hotel le informazioni più importanti riguardino la struttura e le camere (95%) seguite dalle recensioni (85%) e tutte quelle informazioni utili intorno alla location (70%).
Le persone vogliono sognare cosa possono fare nel tuo Hotel, ma anche vicino.
Questo sta diventando un trend sempre più importante, soprattutto in viaggi leisure.

5) Usabilità e Foto rendono il sito di un hotel più “prenotabile”

Per chi avesse ancora qualche ombra di dubbio, è abbastanza chiaro quale sia il ruolo delle foto nel percorso di acquisto di una persona che cerca un hotel: per l’87% è un fattore determinante.
Tieni in considerazione anche che il 79% si dice prenda in considerazione anche le foto degli altri utenti.
Ricordi cosa ti dicevo nello scorso articolo parlando di Instagram?

Altri elementi imprescindibili per il 77% degli intervistati sono l’usabilità e il design del sito.
Gli Angeli di Edita lavorano costantemente per fornirti tutti i migliori strumenti adatti a migliorare l’usabilità del tuo sito.

6) Due aspetti fondamentali per l’esperienza sul sito

Siamo in un mondo iper-connesso dove le persone amano condividere tutto quello che fanno (soprattutto in vacanza),  sui social network o sulle chat come Whatsapp.
Un buon Wifi è ritenuto molto importante dal 83,5% degli intervistati.
In questo caso soprattutto se sono ospiti stranieri e non dispongono di abbonamenti telefonici con operatori italiani.
Quindi, dato che anche Booking.com segnala la qualità del wifi all’interno delle schede degli hotel, fai un investimento che porti qualità su tutta la struttura.
Non basta che funzioni solo nella hall e nei primi due piani.
L’altro componente valutato dal 64% come un vero e proprio punto di forza per un hotel è la colazione inclusa.
E che colazione. Non stiamo parlando di marmellate confezionate, brioche surgelate, fette biscottate e la macchina per il caffellatte o la spremuta.
Ma di un vero e proprio buffet con dolce e salato, che faccia brillare gli occhi dei tuoi ospiti.

7) I fattori più importanti per l’acquisto

Fueltravel ha esaminato anche in una scala d’importanza i fattori più importanti che incidono sulla valutazione finale prima della conferma d’acquisto:

1) prezzo
2) location
3) grandezza stanza e design
4) offerte speciali
5) servizi
6) recensioni

A nostro avviso questi risultati sono un attimo da interpretare, ovvero contestualizzare a seconda di situazioni differenti.
Ora, è chiaro che il prezzo rimane un elemento oggettivamente determinante.
Ma non sempre è al primo posto. Abbiamo spesso indicato come un hotel con una proposta unica di vendita, un target preciso ed un servizio che sappia soddisfare al meglio le sue esigenze possa “permettersi” di avere prezzi più alti e non avere punti deboli a riguardo.

8) Cosa porta le persone ad abbandonare il sito del tuo hotel

Anche in questo caso il prezzo troppo alto può influire sull’abbandono prematuro del sito e può essere correlato a tre aspetti:

  1. non stai comunicando bene il valore del tuo servizio;
  2. non stai comunicando al target giusto;
  3. non hai un elemento differenziante che possa giustificare quel prezzo.

Se credi di avere anche solo uno di questi problemi, devi assolutamente intervenire sul tuo sito.

La mancanza della data a disposizione è l’altro elemento critico che porta spesso a lasciare il sito prima del tempo.
Il 41% degli intervistati si dice disposto ad accettare anche altre date differenti da quelle desiderate nel primo momento.
Sempre che tu rappresenti la soluzione ideale al loro problema/desiderio.

9) Cosa fare per trattenere le persone sul tuo sito

La risposta a un problema come questo è semplice da dire, un attimo più complessa da mettere in pratica:
dai ai viaggiatori esattamente ciò che stanno cercando
.
Entra nel loro “dialogo interno” e anticipa le domande che si pongono riproponendole sul sito sotto forma di FAQ, di post o di pagina dedicata.
In particolare, offri loro la possibilità di contattarti facilmente attraverso tutti i canali più utilizzati: il telefono, la mail, live chat, Whatsapp e la pagina Facebook.

Il contatto umano è sempre un fattore fondamentale in rete.

10) L’importanza dei programmi fedeltà

I viaggiatori amano i programmi fedeltà.
Soprattutto se ottengono una gratificazione immediata dal soggiorno che prenotano.
Il 78%  degli intervistati infatti preferisce sconti e benefit per l’esperienza che stanno per vivere, il 22% per future prenotazioni.

Tra gli aspetti più apprezzati come dicevamo prima ci sono la colazione inclusa e il wifi gratuito, l’early check-in e sconti in ristoranti, negozi e locali del luogo.